Meteo, quando l’Inverno diventa rigido per forti colpi di coda di aria gelida siberiana. Neve interminabile

burian 1963 152 - Meteo, quando l'Inverno diventa rigido per forti colpi di coda di aria gelida siberiana. Neve interminabile

Narrare che tempo faceva durante le maggiori ondate di freddo che si sono avute negli ultimi decenni ha la finalità di analizzare le potenzialità del clima rigido in Italia, pur considerando che i cambiamenti climatici hanno determinato un aumento della temperatura globale. Cambiamenti del clima che hanno attenuano, probabilmente, taluni estremi nella frequenza delle fluttuazioni climatiche, e gli effetti di quelle minori, forse.

Advertising
Advertising

Ma parecchia scienza, seppur meno frequenti rispetto al passato, sostiene che si potranno avere, perché ci sono già, ondate di gelo di rilevanza record nel futuro. E su questa tesi concordano numerosi scienziati del mondo anglosassone, e soprattutto in America, dove le ondate di gelo invernali in quest’ultimo decennio hanno assunto caratteristiche eccezionali. Anche se i confronti col passato mostrano che si sono ridotte come frequenza.

 

L’Europa, così sostiene il centro di ricerche previsioni meteo climatiche europeo Copernicus, ha avuto un aumento della temperatura media dell’ultimo decennio che supera quella di altri continenti. Questo viene attribuito prevalentemente come causa all’attività dell’uomo.

 

Eppure, è evidente, ma poco pubblicizzato dalla stampa, che ci sono dietro le modifiche del tempo atmosferico che osserviamo anche le fluttuazioni climatiche. Per meglio intenderci: ondate di gelo come quelle che abbiamo narrato del 1963 potrebbero ripresentarsi, non uguali, non simili, ma con dalle caratteristiche tali da avere eccezionalità. Narrare il tempo del passato è un supporto per conoscere il tempo del futuro e suoi estremi meteo.

 

Il 2 e il 3 febbraio 1963 sono altre due giornate rigidissime, ma, finalmente, le ultime gelide prima di un addolcimento delle temperature, che però, su parte del Nord Italia, sarà solo parziale.

 

Ad Aosta il 2 febbraio si registra la giornata più fredda del mese, con estremi di -12/-7°C. Anche in altre località del Nord-Ovest il 2 febbraio si registra il clou del freddo: a Domodossola con -12°C, Vercelli con -12,8°C, Pavia con -10,8°C, Pallanza (Lago Maggiore) con -6,4°C e diverse altre. A Milano si registra la massima giornaliera più bassa del mese con -2,1°C (minima di -6,6°C).

 

Il freddo è portentoso anche sul Nord-Est, dove Pordenone e Belluno raggiungono -12°C, Trento, Rovereto, Padova e Verona -11°C, Vicenza e Bolzano -10°C, Trieste -7°C; mentre in montagna si registrano valori anche sotto i -20°C. Su questa zona d’Italia resterà molto fredda tutta la prima settimana del mese e, localmente, temperature ancora più basse si raggiungeranno il giorno 5.

 

Nevica diffusamente in Liguria fin sulla costa e la temperatura, il giorno 2, scende fino a -3,4°C a Genova, con massima di -1°C. Anche in Liguria e nel resto del Nord-Ovest continuerà a fare molto freddo ancora per qualche giorno.

In Pianura Padana e nelle valli, dal Piemonte all’Emilia, passando per la Lombardia, ci saranno ancora giornate molto fredde, con punte fino a -15°C, prima per il passaggio di un nucleo freddo in quota, poi per le inversioni termiche nei bassi strati.

 

In Romagna e nel nord delle Marche continua a fare molto freddo e il 2 febbraio è la giornata più fredda a Fabriano che tocca -13,5°C, mentre il 3 febbraio Cesenatico raggiunge addirittura -16,6°C. Anche in questa zona l’addolcimento sarà relativo almeno fino al giorno 7 del mese.

 

Il 2 febbraio è la giornata del mese più fredda anche in diverse zone della Toscana, tra cui Firenze che raggiunge -6°C e Siena con -5,6°C. In Toscana, però, già dal 4 febbraio si assisterà a un generale rialzo termico e il freddo intenso tornerà soltanto dopo il 20 del mese.

 

In tutto il Centro-Sud assistiamo a una decisa ripresa delle temperature. A Roma, ad esempio, dopo il giorno 2 non vi sarà più alcuna gelata per il resto del mese. Ma al Nord come al Sud, dopo il 20 mese vi sarà un nuovo raffreddamento che culminerà con l’ennesima fase gelida di questo incredibile inverno a inizio marzo

 

Il freddo, intensissimo, tornerà a far visita all’Italia anche nel mese di marzo…


Exit mobile version