Meteo, il gelo della Siberia che si trasferisce in Italia. Gli effetti inimmaginabili


burian 1956 652 - Meteo, il gelo della Siberia che si trasferisce in Italia. Gli effetti inimmaginabili

Il mese di febbraio 1956 è ricordato per essere stato, in Italia e non solo, il mese più freddo dell’intero XX secolo. Venne dopo due mesi relativamente miti e piuttosto piovosi, per questo motivo, complessivamente, l’inverno 1955/56 fu meno freddo del 1962/63, del 1928/29 e di altri degli anni ‘40, ma a livello mensile non ci sono paragoni, fu di gran lunga il mese più gelido di tutti.

Advertising
Advertising

In molte zone italiane fu 6 o 7 gradi, talvolta addirittura 10 gradi, più freddo del normale; per molti giorni di fila al Nord Italia e in molte zone del Centro le temperature rimasero sotto zero anche di giorno; in Pianura Padana le temperature toccarono estremi di 26 gradi sotto zero; e le condizioni di gelo durarono circa 25 giorni, accompagnate, a tratti, da grandi tempeste di neve.

 

A quel tempo, l’Italia era ancora alle prese con le ferite della Seconda Guerra Mondiale, la ricostruzione industriale e infrastrutturale era in atto, il boom economico, grazie anche al piano Marshall, stava per iniziare, ma il Paese era ancora eminentemente agricolo con economia e vie di comunicazione ancora arretrate

.

L’arrivo del gelo, accompagnato specie al Centro-Sud Italia da grandi tempeste di neve, bloccò anche l’approvvigionamento alimentare di molte città e paesi di alta collina o di montagna, mettendo a rischio fame la popolazione di gran parte d’Italia.

Mentre nel Febbraio del 1929 la tempesta di neve colpì in modo particolare il Nord Italia e parte del Centro, nel 1956 i centri del freddo e della neve furono localizzati sul Centro Italia e sul Sud, in particolare su Lazio, Toscana centro meridionale, Marche, Abruzzo e Molise, e parzialmente Campania, Basilicata e Puglia. Al Nord Italia fu freddissimo, anzi gelido, ma, soprattutto al Nord-Ovest, molto secco con nevicate quasi del tutto assenti.

 

Riportare alla memoria quel terribile mese di febbraio porta anche a riflettere su cosa potrebbe capitare se un simile evento ricapitasse ai giorni nostri.

Sì, il Global Warming è galoppante e, a livello globale, quasi ogni anno è più caldo del precedente. Ma, come sottolineano diversi studi di climatologia, insieme al riscaldamento climatico è in atto anche l’estremizzazione climatica, che sta portando estati caldissime e cicloni violenti, ma che potrebbe anche, prima o poi, causare un’intensa ondata di gelo.

Come quella del 1956? Difficile a dirsi, ma nel febbraio 2012 le condizioni, per una decina di giorni, non furono tanto dissimili e l’inverno 2009-2010 ebbe, in alcune parti d’Europa, similitudini con quello del 1962-63, noto per essere stato uno dei più lunghi e freddi dell’intero XX secolo.

Se ricapitasse, in un periodo come questo di grande aumento dei costi dell’energia, siamo sicuri che saremmo preparati?

 

Questa è solo una premessa e un’introduzione, con l’aggiunta di qualche considerazione, su quella storica ondata di gelo. Nelle prossime puntate di questo reportage entreremo nel dettaglio della cronaca di cosa accadde giorno per giorno…

 

 

 

 


Exit mobile version