Meteo: si prepara nuova sfuriata dall’Artico direzione Italia, ecco quando

L’Inverno ci ha preso gusto con alimentazione artica che porterà altro freddo e neve per gli ultimi giorni del mese


Una circolazione depressionaria a carattere freddo continua a dominare sull’Italia, mantenendo condizioni di meteo pienamente invernale. Questo scenario, che vede l’area di bassa pressione ancorata sul Mediterraneo, è eredità del corposo affondo polare che si è concretizzato da metà della scorsa settimana.

 

Advertising
Advertising

Arriva altro freddo dall’Artico in settimana

Le nevicate, localmente copiose in alcune aree dell’Appennino, e le temperature sotto media configurano una fase fredda che non si vedeva da diverso tempo, considerando gli ultimi inverni molto miti. Il freddo invernale, sebbene non eccezionale come intensità, appare destinato a durare ancora a lungo.

 

Una nuova irruzione dalle latitudini artiche si metterà in moto prima verso il Centro Europa, poi verso l’Italia ed i Balcani, subito dopo metà settimana. Questo nuovo rifornimento d’aria fredda tornerà ad alimentare la depressione mediterranea, che riprenderà vigore.

 

Tale dinamica determinerà inevitabilmente una recrudescenza del maltempo invernale, almeno su alcune regioni d’Italia a partire da venerdì 27 Gennaio. Le aree più esposte saranno quelle adriatiche e del Sud dove si avvertirà maggiormente il nuovo raffreddamento con occasione per neve a bassa quota.

 

Altra fase di freddo acuto

Le correnti in arrivo sull’Italia, sebbene di origine artica, affluiranno dai quadranti nord-orientali con caratteristiche più marcatamente continentali. Il freddo infatti giungerà dai Balcani, presentandosi più rigido anche nei bassi strati.

 

Il prossimo weekend ed i famigerati giorni della Merla, per tradizione i più freddi dell’anno, vedranno quindi l’Italia alle prese con la persistenza di questa lunga fase invernale che ha completamente cambiato il volto di una stagione che fino ad ora non si era quasi mostrata.

 

L’attenzione è poi puntata all’evoluzione dei primi giorni di Febbraio, in quanto gli ultimi aggiornamenti propendono per la discesa di nuovi impulsi freddi dall’Artico. La traiettoria non è ancora ben delineata e non è chiaro se l’Italia sarà colpita in pieno o più marginalmente.

 

L’alta pressione atlantica proverà a distendersi fin sull’Italia e potrebbe quindi deviare più ad est i flussi d’origine artica. Questa seconda parte d’inverno ha preso comunque una strada che potrebbe proseguire anche a Febbraio, con freddo e neve protagonisti.


Exit mobile version