Saremo sfiorati da un Meteorite sino a solo 3500 km


Il 26 gennaio 2023, l’asteroide 2023 BU raggiungerà estremamente vicino la Terra. Secondo i vari calcoli non ci sarà alcun impatto, anche se raggiungerà una distanza dal suolo di soli 3.500 km. Una distanza che è circa il 25% quella dei satelliti geostazionari.

 

Advertising
Advertising

Il piccolo asteroide è stato scoperto solo qualche giorno fa.

 

Ma vediamo qualche dato: si muove a una velocità di circa 9,3 chilometri al secondo, mentre le dimensioni hanno un diametro attorno i 3,7 e gli 8,2 metri.

 

Insomma, ci passerà estremamente vicino. Troppo prossimo alla Terra anche se non ci saranno effetti. La sua orbita incrocerà quella dei satelliti geostazionari del Sud Africa, e transiterà per poi andare via alle ore 22:17 ora italiana, all’incirca.

 

La notizia della scoperta la si deve ad un astronomo amatoriale della Crimea che lo ha osservato per primo.

 

Come descritto, non ci saranno conseguenze per il nostro Pianeta, anche se questa novità inquieta coloro che da anni chiedono un rafforzamento dei finanziamenti per il monitoraggio degli asteroidi, e soprattutto la difesa da eventuali grossi impatti.

 

Il meteorite di Čeljabinsk in Russia, il 15 febbraio 2013 danneggio i vetri di tremila edifici per l’onda d’urto. Ci furono un migliaio di feriti dalle schegge di vetro. Lo stesso giorno fu segnalata l’esplosione in cielo di un altro meteorite anche a Cuba.

 

Nel video, l’esplosione del meteorite in Russia del 2013.

 


Exit mobile version