Video Meteo: la scomparsa delle stagioni a fronte di catastrofi mai viste


Le stagioni che abbiamo conosciuto nel secolo scorso sono mutate severamente, tutte. Vi proponiamo questo video particolarmente curato da un importante istituto europeo. Il video è presente varie lingue, anche italiano.

 

Advertising
Advertising

Siamo nel 2022 con il 2023 ormai dietro l’angolo. Insomma, il tempo passa velocemente.

 

Le proiezioni che vedrete sono riferite al 2050, un periodo che giungerà i poco meno di trent’anni, e che i giovani d’oggi vivranno. Osserverete come sparirà la neve sulle Alpi, e che sarà presente solo nei ghiacciai. Le località montane che attualmente d’inverno vengono coperte dalla neve alla quota di 1500 metri osserveranno rare nevicate.

 

Le nostre città di pianura saranno roventi, e per viverci dovremo abituarci molto rapidamente. E chi oggi ha cinquant’anni di età, nell’età anziana, quando sarà più vulnerabile al clima ostile, dovrà convivere con terribili estati caldissime.

Molti si trasferiranno verso la montagna per evitare una calura soffocante.

 

Si parla in questo periodo di transizione energetica, molto poco invece di dove vivremo nel futuro, dove e come coltiveremo la terra. Utilizzeremo quantità di energia impressionante per raffrescare gli ambienti. D’inverno consumeremo molta meno energia per scaldare le nostre case, e addirittura nelle regioni centromeridionali, la Sardegna e la Sicilia, il riscaldamento diventerà un optional soprattutto nelle coste.

 

Il clima di Parigi sarà quello di Barcellona, in Germania la stagione estiva sarà calda quanto è attualmente quelle della pianura padana. Milano avrà il clima di Tunisi (Tunisia), Roma quello di Tripoli (Libia), Palermo e Cagliari quello di Il Cairo (Egitto).

 

Poi si avranno fenomeni meteo estremi, con il rischio di gravissime alluvioni molto maggiore rispetto a come succede attualmente, poi anche periodi di lunghissima siccità accentuati dal caldo, e ne abbiamo visto un’anteprima la scorsa estate.

 

Il Mondo del futuro sarà tutto da riprogrammare in funzione dei cambiamenti climatici che proseguiranno rapidi, anche perché molto poco si farà nei prossimi decenni senonché davanti alle catastrofi. Ma allora sarà troppo tardi, e per ripristinare il clima del passato serviranno non meno di un centinaio di anni.

 

I cambiamenti climatici renderanno le aree più popolate del Pianeta soggette alle peggiori calamità naturali possibili, nella stagione più calda si registreranno temperature mai viste, e questo potrebbe causare migrazioni bibliche verso nord dell’emisfero settentrionale e verso sud nell’emisfero australe.

 

Insomma, vi suggeriamo di vedere appena potrete questo video estremamente rappresentativo del clima e del meteo che avremo nel futuro, e che rapidamente muterà il clima di questo decennio, quando avremo sempre più caos.


Exit mobile version