Meteo nel medio termine, occhi puntati sul grande Nord

Possibili scenari di cambiamento dopo metà settimana


Sembra confermato quanto accennato nei precedenti aggiornamenti. Da metà della prossima settimana qualcosa potrebbe finalmente cambiare con l’alta pressione africana in evidente crisi!

 

Advertising
Advertising

Intanto sul nostro Paese incombe ancora un vero e proprio mostro alto pressorio che prende dunque le sue origini dai lontani deserti africani. Per questa ragione l’Italia vive ancora un contesto sicuramente più estivo che autunnale con tanto bel tempo e temperature esageratamente calde per la stagione.

Ora però ci sono i primi presagi di un possibile cambiamento. A indicarcelo, come sempre, sono i principali centri di calcolo che vedono parecchi movimenti sulle terre più settentrionali del vecchio continente dove l’Autunno viaggia già da alcune settimane a gonfie vele.

 

Sarà proprio dal Nord Europa che arriverà verso il nostro Paese un freddo vortice ciclonico che tuttavia pare puntare soprattutto verso il nostro versante adriatico e i Balcani. Se tutto ciò verrà confermato, tra Giovedì 3 e Venerdì 4 Novembre, l’alta pressione africana sarà costretta a scendere verso le sue terre d’origine.

 

Ecco dunque che l’Italia potrebbe trovarsi avvolta da una circolazione fredda e ciclonica che andrebbe a penalizzare soprattutto le regioni adriatiche dove sarà più elevato il rischio di pioggia e di freddo. 

 

Si tratta però di una situazione ancora di difficile lettura in quanto i centri di calcolo continuano, con il passare dei giorni, ad apporre alcune modifiche in sede previsionale.

 

Siamo dunque costretti ad attendere ancora un po’ prima di sciogliere la prognosi anche se il tempo corre via in fretta e non rimane molto tempo per vedere l’Autunno fare il suo sporco lavoro nel giusto periodo dell’anno. 


Exit mobile version