Meteo con l’anticiclone in cedimento dal weekend, potenziali grosse novità

L’alta pressione perderà colpi, con crescenti infiltrazioni atlantiche in vista dall’inizio della prossima settimana

weekend 8 9 ottobre h - Meteo con l’anticiclone in cedimento dal weekend, potenziali grosse novità

Il dominio dell’alta pressione sul Mediterraneo e su parte d’Europa manterrà meteo stabile ancora per diversi giorni, con clima molto mite per il periodo. Le temperature supereranno ancora agevolmente i 25 gradi soprattutto al Sud e sulle due Isole Maggiori.

Anticiclone in fase di stanca dal weekend

Questa situazione non è destinata a variare più di tanto sin sul finire della settimana, ma proprio nel corso del weekend l’anticiclone andrà incontro ai primi scricchiolii evidenti. Il graduale abbassamento di latitudine del flusso atlantico convoglierà masse d’aria più umide verso l’Italia.

Advertising
Advertising

 

La giornata di sabato sarà ancora salva, con al più nubi innocue sulle zone alpine, in Sardegna e localmente sui settori tirrenici, derivanti dal ramo più avanzato di un fronte sulla Spagna. Non mancheranno peraltro banchi di nebbia e dense foschie in pianura al Nord e sulle valli interne del Centro Italia.

 

Graduale cambiamento verso meteo più autunnale

I disturbi si faranno più evidenti nel corso di domenica, pur con la presenza ancora dell’alta pressione che tuttavia subirà un ulteriore indebolimento. Di conseguenza, le correnti umide oceaniche, seppur timide, inizieranno ad abbassarsi di latitudine, influendo quindi sulla circolazione mediterranea.

 

Una maggiore instabilità si farà strada probabilmente strada sui bacini più occidentali, con effetti più che altro in Sardegna dove potrà avvicinarsi qualche temporale marittimo. Locali piogge raggiungeranno anche le Alpi e le regioni di Nord-Ovest, specie tra Piemonte e Ponente Ligure.

 

Sul resto d’Italia lo scudo anticiclonico rimarrà sufficientemente solido da garantire tempo in prevalenza soleggiato e mite. Le prime lievi insidie saranno comunque il preludio ad un avvio di settimana un pochino più turbolento, di stampo più autunnale.

 

In base alle ultime proiezioni, le perturbazioni atlantiche stenteranno almeno inizialmente ad irrompere in modo deciso sul Mediterraneo. L’Italia sarà quindi un po’ di terra di nessuno in una sorta di palude barica, ci sarà una fase interlocutoria sin verso l’11-12 Ottobre.

 

Flussi d’aria umida favoriranno comunque molte nubi e qualche pioggia più probabile al Nord e sulla Sardegna nei primi giorni della prossima settimana. Al momento appare smentita un’accelerazione rapida verso condizioni di maltempo.


Exit mobile version