Meteo Giornale » Archivio » Catastrofi Naturali »

Caldo estremo: grosso incendio devasta foresta in Portogallo, molte vittime

Se l'ondata di calore si sta smorzando sull'Italia, non altrettanto si può dire per la Penisola Iberica. Nella giornata di sabato le temperature hanno raggiunto i 44 gradi sul sud della Spagna, nella zona di Cordoba e Mérida. Il caldo atroce sta però colpendo anche in modo eccezionale il Portogallo, con temperature anche qui fino a 43 gradi ed oltre. Sulla stessa Lisbona si sono registrati ben 41 gradi. Il caldo imperversa da settimane e purtroppo non si prevede nulla di buono, tanto che potrebbe persistere sino a fine mese configurando quest'inizio d'estate persino peggiore del 2003. L'ondata di calore eccezionale è purtroppo la principale alleata di un gigantesco incendio scoppiato la scorsa notte: sono in fiamme i boschi di Pedrogao Grande, appena 150 chilometri a nord di Lisbona.

immagine 1 articolo 47506

Il rogo gigantesco, di dimensioni incontrollate, ha purtroppo già causato una strage senza precedenti. Si contano almeno 58 morti, molti dei quali carbonizzati e rimasti intrappolati nelle proprie auto, ma anche 59 feriti di cui alcuni molto gravi. Famiglie intere sono morte, in molti cercavano di scampare dalle fiamme fuggendo a piedi. Attualmente, per cercare di arginare il rogo, sono all'opera tutti i mezzi a disposizione, fra personale a terra con almeno 700 vigili impegnati e mezzi in volo, compreso l'esercito. Pure l'Italia è pronta ad inviare in aiuto dei suoi canadair. L'incendio sarebbe divampato a causa di un fulmine caduto su un albero, in mezzo ad una vegetazione secca per la mancanza di pioggia da giorni. La diffusione delle fiamme è stata propiziata dalle altissime temperature anche di notte.

Pubblicato da Mauro Meloni - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina