Meteo Giornale » Archivio » Flash Modelli »

Il tortuoso cammino della Primavera insidiato dalle correnti artiche

La difficile avanzata delle Azzorre
L'anticiclone delle Azzorre tenterà l'avanzata verso est nel corso della terza decade, ma il suo corso potrebbe essere deviato verso nord-est, in direzione della Germania, lasciando l'Italia ancora sotto il tiro di correnti instabili di origine artica. Anche perché una profonda goccia fredda potrebbe insediarsi sul nostro Meridione.

Artico che incombe
In tal modo la fase artica che raggiungerà il suo acme in questi giorni, quando la neve tornerà a cadere a quote basse al Nord, forse anche sino in pianura nelle zone a sud del Po, tra Basso Piemonte, Liguria padana ed Emilia centro-occidentale, potrebbe protrarsi anche nella seconda decade di marzo, anche se più attenuata. La goccia fredda posizionata al Sud creerà condizioni di maltempo sulle regioni centro-meridionali, mentre correnti nord-orientali manterranno basse le temperature al Nord, in uno scenario di generale instabilità.

immagine 1 articolo 42826

Scambi meridiani
In definitiva, come abbiamo più volte sottolineato, sono gli scambi meridiani a dominare lo scenario barico euro-atlantico. L'aria artica prende la via del sud e quella subtropicale del nord, alla ricerca di un nuovo equilibrio termico e barico: la primavera.

Pubblicato da Aldo Meschiari - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina