Meteo Giornale » Archivio » Meteo Nord America »

Piomba il gelo siderale in Nord America, temperature fino a -47°C e grande gelo in rotta su New York

L'ennesimo sbilanciamento in sede artica del vortice polare, verso l'Artico canadese e l'America settentrionale, sta favorendo lo spostamento di un vastissimo blocco di aria gelida verso i territori del Canada e l'est degli USA, dove nei prossimi giorni scivolerà una gigantesca ondata di gelo che coprirà gran parte del continente nord-americano. In queste un nocciolo di aria molto gelida, caratterizzato da isoterme di -35°C a 1300 metri, direttamente provenienti dalla Calotta Artica (quindi parliamo di aria artica al 100 %), sta scivolando sul Canada orientale, nei pressi della baia di Hudson, determinando un autentico tracollo delle temperature, su valori che localmente sfondano il muro dei -35°C -40°C.

immagine 2 articolo 42480

In vaste aree, fra l'Arcipelago Artico canadese e la baia di Hudson, i termometri sono scesi su valori glaciali. Fra le temperature più basse fino ad ora registrate abbiamo i -44,2°C di Shepherd Bay e i -41,4°C raggiunti dal villaggio di Eureka. In altre località invece la colonnina di mercurio ha già sfondato la soglia dei -46°C -47°C, parliamo di gelo siderale.

Ma nei prossimi giorni, con lo scivolamento di questo vastissimo blocco di aria gelida verso il Canada orientale e il nord-est degli USA, il gelo siderale rischia di coinvolgere una vasta porzione di territorio, fra gli stati dell'Ontario e il Québec, peraltro fra la più densamente abitata.

Stavolta, nel prossimo weekend, milioni di persone rischiano di esporsi a temperature particolarmente estreme, con valori che potranno lambire se non addirittura sfondare la soglia dei -35°C -40°C. Ma valori inferiori ai -28°C -30°C si potranno raggiungere persino nelle grandi città del Canada, come Ottawa, la capitale del Canada, dove sabato il termometro potrebbe scendere fin sotto i -28°C -29°C, avvicinandosi al muro dei -30°C.

immagine 1 articolo 42480

Questo flusso di aria gelida, fra le giornate di sabato e domenica, dopo aver interessato gran parte del Canada, comincerà a piombare sul nord-est degli Stati Uniti, raggiungendo gli stati del New England, incluse le città di Boston e New York che nel weekend dovranno fare i conti con un brusco calo delle temperature e col il ritorno del grande gelo.

A New York con l'afflusso dell'aria gelida in discesa dal Canada orientale le temperature potrebbero scendere fin sotto la soglia dei -16°C -17°C. Specie se come confermato dalle mappe attuali la Grande Mela, nella giornata domenicale, verrà sfiorata dall'isoterma di -30°C a 1300 metri. Una cifra di ben -20°C inferiore alle medie per il periodo. Gelo che sicuramente farà congelare le acque del fiume Hudson, in particolare nel tratto che attraversa la città di New York.

Pubblicato da Alessandro Arena

Inizio Pagina