Meteo Giornale » Archivio » Editoriali Modelli »

Fine gennaio con clima mite e Anticiclone delle Azzorre. Sorprese in febbraio dalla stratosfera?

In arrivo un sensibile aumento termico
Abbiamo vissuto, anzi stiamo vivendo una fase pienamente invernale.
L'irruzione artica ha portato la neve al Centro-Sud e il gran freddo secco al Nord.
Dalla prossima settimana l'afflusso di masse di aria di origine subtropicale causeranno un sensibile aumento termico, intorno ai +10°C, avvertibile soprattutto sui monti e lungo le coste peninsulari. Le valli e le pianure, in particolar modo la Pianura Padana, torneranno a sperimentare le inversioni termiche, col rischio del ritorno delle nebbie inquinate.

immagine 1 articolo 42130

La grande espansione dell'anticiclone delle Azzorre
Se osserviamo con attenzione la Multimodel a 500 hPa rielaborata per i lettori di MeteoGiornale, noteremo un tipico scenario NAO+, ovvero le basse pressioni collegate al vortice polare relegate alle alte latitudini e l'alta pressione subtropicale per eccellenza, le Azzorre, estesa dall'Atlantico sino all'Europa centrale.

Depressioni nord-atlantiche
Questa mappa, valida per gli ultimi giorni di gennaio, non riporta però la possibilità che un paio di depressioni nord-atlantiche possano riuscire prima della fine del mese a irrompere nei nostri mari, regalando quella pioggia e quella neve fondamentali a rompere la fase siccitosa che da mesi attanaglia il Nord. Si tratta però solo di ipotesi, ancora da confermare.

Le grandi incertezze del Lungo Termine
Ovvio, direte voi, oltre i sette giorni regna sovrana l'incertezza nella meteorologia.
Però può essere utile, grazie all'ausilio di altri strumenti che non siano solo i modelli matematici, provare a scrutare anche il lungo termine. Negli ultimi giorni si fa un gran parlare delle previsioni riguardanti la stratosfera. Questo perché è in arrivo uno Stratwarming, ovvero un forte e repentino riscaldamento stratosferico di cui ha scritto chiaramente il collega Gaddari. Tale fenomeno potrebbe causare un forte disturbo al vortice polare troposferico, le cui conseguenze sarebbero l'irruzione di masse di aria artica verso le latitudini temperate. Che poi queste irruzioni possano colpire l'Italia, questo non lo può dire nessuno per ora.

Un augurio di buona giornata ai lettori del MTG!

Pubblicato da Aldo Meschiari - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina