Meteo Giornale » Archivio » Previsioni Meteo Italia »

Meteo in peggioramento, poi freddo artico: arriva neve a quote molto basse

CI SIAMO, INVERNO IN RAMPA DI LANCIO - Le condizioni meteo stanno per subire una brusca virata verso caratteristiche da pieno inverno. Il caldo eccezionale dell'ultimo periodo diverrà presto un lontano ricordo e l'ingresso d'aria fredda in discesa dal Nord Europa innescherà un tracollo termico davvero imponente. La colonnina di mercurio si abbasserà anche di oltre 10 gradi, passando a valori molto al di sotto della norma stagionale. Non dovremo stupirci, quindi, se in alcune regioni arriverà la prima neve a quota pianeggianti o addirittura a tratti lungo le coste. Prima però confermiamo il transito di una perturbazione atlantica, giovedì, che porterà maltempo a tratti intenso e un temporaneo rialzo delle temperature. Tuttavia, al Settentrione si potranno avere spolverate di neve fino a bassissima quota.

IL METEO DI MERCOLEDI' 13 GENNAIO
Meteo in prevalenza soleggiato su gran parte della Penisola, salvo parziali annuvolamenti sulle regioni centro-meridionali tirreniche e lungo il confine delle Alpi. Inizialmente vi potrà essere qualche residuo rovescio tra Bassa Campania, Calabria tirrenica e nord della Sicilia, ma in rapido esaurimento. Spruzzate di neve si avranno poi sui confini alpini, specie in Valle d'Aosta. Le temperature rimarranno stazionarie, così come il vento che continuerà a soffiare dai quadranti occidentali. Dalla sera nubi in aumento sulla Sardegna e sulle Alpi Occidentali, per l'avvicinamento di un sistema perturbato da ovest.

IL METEO DI GIOVEDI' 14 GENNAIO
L'arrivo di una perturbazione atlantica innescherà un peggioramento a partire dal Nord Italia, in rapido trasferimento verso est e in successivo scivolamento verso sud. Verranno coinvolte anche le regioni centrali dal pomeriggio, soprattutto le tirreniche, l'Umbria e la Sardegna. Ci aspettiamo piogge, anche a carattere di rovescio, e fitte nevicate sui rilievi. La neve si potrà spingere fino a bassa quota, con possibili fiocchi fino in pianura su Basso Piemonte, Ovest Emilia, pavese e in serata localmente su Lombardia centro-orientale, Alto Veneto e fino al fondovalle sulle zone prealpine. Non sono comunque attesi accumuli nevosi degni di nota al suolo. In serata propagazione dei fenomeni anche verso la Campania e primi sbuffi freddi verso il confine delle Alpi

DA VENERDI' LA SVOLTA INVERNALE
Venerdì il maltempo si sposterà al Sud e sulla Sicilia, ma con precipitazioni che inizialmente insisteranno anche su Abruzzo, Molise e Basso Lazio. Inizierà ad affluire aria fredda nordica, che porterà delle fioccate sui confini alpini. I venti si disporranno da nord/nordest, rinforzando, e le temperature caleranno ovunque. Il fine settimana porterà alla recrudescenza delle condizioni meteo climatiche invernali: sabato entrerà in scena il freddo artico, con peggioramento su Adriatiche ed Isole e possibili nevicate a bassa quota o in collina. Domenica ancora instabile e rovesci nevosi a bassa quota su Adriatiche, sud Calabria e nord Sicilia Non escludiamo sconfinamenti in pianura, forse persino lungo le coste marchigiane, abruzzesi, molisane e settori settentrionali pugliesi. Da valutare l'eventuale coinvolgimento di altre zone.

immagine 1 articolo 41932

ULTERIORI TENDENZE - Salgono le quotazioni, per inizio settimana, dell'ingresso di una perturbazione da ovest, che potrebbe coinvolgere più direttamente il Centro Italia e l'Emilia Romagna, ma la rotta è ancora da definire. Tuttavia, per l'aria ancora gelida presente nei bassi strati, si potrebbero verificare nevicate a bassissima quota o in pianura, specie in una prima fase. A seguire sembrerebbe poter subentrare un campo d'Alta Pressione, ma su questa ipotesi torneremo con calma nei prossimi giorni.

Pubblicato da Mauro Meloni - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina