Meteo Giornale » Archivio » Buongiorno Italia »

Venti di tempesta portano una mite perturbazione: incerto al Nord, piogge su tirreniche

Atlantico in gran spolvero: dopo la lunga latitanza, in realtà indotta da svariate cause, la riapertura della porta atlantica ha ripristinato un regime perturbato duraturo. Le perturbazione provenienti da ovest hanno percorso svariate volte l'Italia, arrecando precipitazioni più o meno importanti intervallate da un quadro di variabilità tipicamente autunnale. L'aria oceanica è risultata mite e lo è tutt'ora, tant'è che le temperature continueranno a stazionare ostinatamente su valori superiori alle medie del periodo.

Attenzione al vento: oggi, al di là delle precipitazioni che potranno assumere localmente una certa intensità, si dovrà prestare attenzione al vento. Vento che soffierà da sudovest, quindi da Libeccio, e che in alcune aree potrebbe raggiungere intensità di tempesta o persino d'uragano (raffiche superiori a 120 km/h). In particolare occhi aperti su ovest Alpi, in Sardegna e allo sbocco dei crinali appenninici (lato adriatico, lungo i pendii e le valli esposte).

Pioggia e neve: le piogge più consistenti coinvolgeranno il Levante Ligure e l'alta Toscana. Pioverà anche in altri tratti del Tirreno e sul Nord Italia. Nelle regioni settentrionali i fenomeni tenderanno ad allontanarsi verso est, abbastanza rapidamente. Da segnalare le nevicate su Alpi inizialmente oltre 1400-1600 metri, ma con calo fin verso i 1000 metri - o localmente al di sotto - sul finire della giornata.

Freddo confermato: sul finire della settimana irromperà l'inverno, anche in Italia. Aria molto fredda si catapulterà dall'Artico verso sud, apportando un consistente calo delle temperature e alimentando un peggioramento che darà luogo a nevicate a bassa o bassissima quota.

immagine 1 articolo 41894

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina