Meteo Giornale » Archivio » Analisi Modelli »

Polar Vortex split, genesi e conseguenze

Molte volte vi abbiamo parlato dello split del Vortice Polare, e oggi questo è perfettamente rappresentato dalla grafica dei modelli matematici con vista grafica emisferica dal Polo Nord.

The Polar Vortex split, eccolo.

immagine 1 articolo 41887 Polar Vortex split.

Gli scorsi mesi, il Vortice Polare aveva raggiunto ingente intensità e si sta dividendo in 2 lobi principali, più altri minori (il nuclei sono indicati dal colore violetto).

I lobi principali si dirigeranno uno in Europa (evoluzione probabile sino all'Italia) ed il secondo in Siberia orientale per investire poi la Corea ed il Giappone con un'ondata di gelo cruenta.

Come abbiamo sottolineato, un lobo del Vortice Polare si dirigerà in Europa dove è prossima un'ondata di gelo. Il lobo lambirà l'Italia, e attraverso una circolazione atmosferica complessa che i modelli matematici stanno delineando, sarà causa di una fase fredda, forse molto fredda se non gelida.

Secondo i modelli matematici che spingono le proiezioni a più lungo termine (30 giorni), avremo un temporaneo ricompattamento del Vortice Polare e subito un nuovo forte split, e ciò potrebbe succedere più volte, tanto che in Inghilterra, terra dove la meteorologia viene discussa con chiarezza anche sulle linee di tendenza a lunghissimo termine, si temono due mesi di gran freddo.

Insomma, siamo in Polar Vortex split.

Pubblicato da Andrea Meloni

Inizio Pagina