Questo sito contribuisce all'audience di Il Post

 
 

Meteo Giornale » Archivio » Flash Modelli »

Evoluzione meteo incerta per l'Italia: Artico o Atlantico dopo metà mese?

Atmosfera di difficile lettura
Non ci sono dubbi scientifici che a livello barico il Nord-Emisfero andrà incontro ad un vero e proprio terremoto. Pensate che l'indice AO, che misura la salute del vortice polare (VP) passerà da un altissimo valore di +4 di metà dicembre a un altrettanto estremo valore di -5 a metà gennaio. Ovvero si passerà da uno scenario barico bloccato in cui il VP rimaneva arroccato nei suoi luoghi di origine, alla esplosione dello stesso VP in diversi tronconi gelidi, che porteranno crudi scenari invernali dove colpiranno alle medie latitudini, compresa l'Europa. Ma proprio in merito a tale difficile e complesso scenario barico, i modelli faticano a trovare una strada coerente e condivisa per i prossimi 7/10 giorni: quindi non a causa di una insufficienza tecnico-scientifica, ma a causa della natura stessa dell'atmosfera, caotica e non lineare.

immagine 1 articolo 41868

Evoluzione meteo prossimi 7/10 giorni
Stabilito ciò, lo sforzo del MTG è quello comunque di provare a delineare una linea di tendenza anche per il medio-lungo termine. Ma bisogna avere ben chiara la differenza tra una previsione e una tendenza, in quanto quest'ultima ha il solo scopo di indicare un probabile scenario evolutivo, non certo di prevedere nei particolari e con alta probabilità realizzativa il tempo che farà nelle varie regioni di Italia. Chiarito ciò, nei prossimi giorni il tempo sarà dapprima dominato da miti e instabili correnti sud-occidentali (breve termine) e successivamente dall'irruzione del fronte polare nord-atlantico sull'Italia centro-settentrionale (depressioni atlantiche). Quindi almeno sino a 13 gennaio non farà freddo ma vi saranno diverse occasioni di nevicate sulle Alpi, mentre le piogge colpiranno soprattutto il settore ligure-tirrenico.

Irruzione artica incerta sull'Italia
Verso la metà del mese aria molto fredda collegata al nocciolo europeo del VP (vedi sora) riuscirà a irrompere sul territorio europeo, ma rimangono molte incertezze sulle sorti dell'Italia. Dall'analisi delle ultime emissioni dei modelli matematici, sembra possibile una veloce staffilata fredda da nord-est, come possiamo vedere nella Multimodel a 500 hPa, associata a venti freddi di bora e grecale. Ma da ovest incomberanno il flusso ciclonico atlantico o addirittura un nuovo promontorio subtropicale.
Per un aggiornamento più approfondito vi aspetto all'Editoriale modelli di metà giornata.

Un augurio di buona giornata ai lettori del MTG!

Pubblicato da Aldo Meschiari - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Inizio Pagina