Meteo Giornale » Archivio » Buongiorno Italia »

Più mite, in arrivo altre perturbazioni con venti intensi occidentali

Epifania col cappotto: sapevamo che dopo il ritorno delle piogge, e della neve sul Nord Italia, avremmo assistito a qualche nevicata lungo la dorsale appenninica. Non solo. L'arrivo d'aria fredda nord atlantica, con conseguente brusco calo delle temperature, ha facilitato nevicate a quote interessanti pure sui monti della Sardegna. E' stato un breve intermezzo, questo va detto, difatti chi è uscito di casa alle prime luci dell'alba si sarà già accorto del repentino aumento delle temperature.

Aria mite oceanica: il rialzo è ascrivibile al ritorno d'aria ben più mite proveniente da ovest. In varie regioni influiranno anche i cosiddetti venti "favonici", ovvero quelle correnti che acquistano calore discendendo dai lunghi pendii montani. Avremo sbalzi termici incredibili, in taluni casi oltre 10°C in meno di 24 ore. Ma tant'è, viste le anomalie meteo climatiche dei due mesi precedenti non ci stupiamo più di niente.

Altre perturbazioni: l'influenza atlantica si esplicherà con altri passaggi nuvolosi. Oggi, ad esempio, avremo variabilità persistente nelle regioni tirreniche con possibilità di deboli piogge sparse. Un peggioramento più cospicuo interesserà i confini alpini, con fitte nevicate dalla Valle d'Aosta all'alta Lombardia.

La svolta invernale di metà mese: la situazione dovrebbe cambiare ulteriormente attorno ai 15 gennaio, orientandosi su frequenze ben più invernali anche sul Mediterraneo. Vi invitiamo a seguire i vari aggiornamenti giornalieri perché avremo modo di parlare dell'argomento in modo dettagliato.

immagine 1 articolo 41825

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina