Meteo Giornale » Archivio » Previsioni Meteo Lungo Termine »

Inverno, ulteriore svolta meteo: freddo artico verso il Mediterraneo da metà mese

Perturbazioni, maltempo e neve in Val Padana: dopo la monotonia anticiclonica di novembre e dicembre, il mese di gennaio ha esordito in modo decisamente diverso: l'Atlantico, contrastando il gelo russo, sta inviando una serie di intense perturbazioni a medie latitudini. Finalmente ha ripreso a piovere, è tornato il vento, è caduta persino la neve in Val Padana. Ciò a riprova della complessità climatica dell'Italia. Perché se è vero che al Nord fa freddo, è altrettanto vero che altrove permangono temperature autunnali.

La Depressione d'Islanda: i vari impulsi perturbati - altri transiteranno sulle nostre regioni per gran parte della settimana - sono pilotati da un grosso Vortice di Bassa Pressione ubicato pressapoco a ridosso dell'Irlanda. Semplificando il tutto possiamo dirvi che si tratta della Depressione d'Islanda, ma volendo essere tecnici e professionali vi diciamo che si tratta di una Depressione innescata da un approfondimento in loco di un ramo del Vortice Polare.

L'ulteriore svolta di metà gennaio: detto che nei prossimi giorni osserveremo il regime di variabilità tipicamente atlantico - i venti continueranno a soffiare dai quadranti occidentali e non mancheranno passaggi nuvolosi - a cavallo di metà mese avverranno importanti cambiamenti. Un blocco d'aria gelida si trasferirà sul comparto russo-scandinavo, mentre in Atlantico potrebbe formarsi un blocco anticiclonico dovuto alla spinta dell'Alta delle Azzorre verso la Groenlandia.

I possibili effetti sull'Italia: le manovre descritte dovrebbero deporre a favore di importanti irruzione fredde, artiche, verso le medio-basse latitudini. Il Mediterraneo sembrerebbe essere uno degli obbiettivi principali e l'Italia rientrerebbe all'interno di condizioni meteo-climatiche prettamente invernali. Arriverebbero le attesissime nevicate a bassa quota anche al Centro Sud e nelle due Isole Maggiori.

immagine 1 articolo 41791

Pubblicato da Ivan Gaddari

Inizio Pagina