Meteo Giornale » Archivio » Detti Popolari »

Giocando con i proverbi della Candelora: che ne sarà dell'Inverno?

immagine articolo 19732 Inverno sì, inverno no: la Candelora (2 febbraio), momento di svolta stagionale? Realizzazione grafica a cura di Alessandra Garau. Il 2 febbraio si è celebrata la Candelora, una festività cattolica che si porta dietro una serie di proverbi popolari, i quali hanno importanti nessi con la meteorologia. In base alla tradizione latina più antica, le prime credenze volevano legare il meteo della Candelora con quello della Pasqua.

Successivamente la Candelora, per la sua collocazione a "mezzo inverno", veniva più precisamente presa in considerazione come segnale predittivo su cosa avrebbe riservato la seconda parte della stagione fredda.

La peculiarità è data dal fatto che i detti legati alla Candelora variano da zona a zona sulle varie regioni d'Italia, tanto che in diversi casi il significato dato viene visto in senso addirittura del tutto opposto.

Vediamo alcuni dei proverbi più popolari, dalle parti di Roma si dice:

Quanno viè la Candelora
da l'inverno sémo fóra,
ma se piove o tira vènto,
ne l'inverno semo dentro.

In sostanza, sulla base di questa tradizione, la Candelora sancirebbe la fine dell'inverno, a meno che il meteo non sia piovoso o ventoso. Un significato equivalente va attribuito anche ad uno fra i proverbi più in voga sulla Lombardia che, tradotto, recita:

Madonna della Candelora
dall'inverno siamo fuori
Se piove o tira vento
nell'inverno siamo dentro

Come detto, in certi casi il proverbio suona all'opposto, come ad esempio in Romagna: Per la Candelora, se piove o nevica, dall'inverno siamo fuori; ma se non piove, abbiamo ancora quaranta giorni di inverno. Un altro proverbio famoso, a cui si può dare la stessa interpretazione, recita: Candelora scura dell'inverno non si ha paura.

Curioso, infine, come a Trieste per la Candelora c'e questo proverbio chiaramente legato alla Bora scura o alla Bora Chiara:

Se la vien con sol e bora
de l'inverno semo fora.
Se la vien con piova e vento,
de l'inverno semo drento.

Le interpretazioni di questi proverbi sono dunque decisamente eterogenee. Da diversi giorni, su base scientifica, diciamo che l'inverno sta andando in crisi e che non sembra così facile una sua ripresa. Cosa possiamo ricavare da questi proverbi? Di sicuro quelli più famosi non rappresentano un segnale così ottimistico, considerando le condizioni meteo che hanno caratterizzato la giornata della Candelora (ieri 2 febbraio), con la pioggia che ha interessato solamente l'estremo Sud, la Sardegna e la Sicilia. La speranza è sempre l'ultima a morire!

Pubblicato da Mauro Meloni

Inizio Pagina